Scopri come l'olio di krill può essere un'opzione terapeutica efficace per ridurre l'infiammazione nelle vie respiratorie e migliorare la funzione polmonare nei pazienti con asma.

L’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie respiratorie, caratterizzata da sintomi come tosse, respiro sibilante, difficoltà respiratorie e oppressione toracica. L’attivazione delle cellule infiammatorie nella parete delle vie respiratorie e la liberazione di mediatori infiammatori, tra cui l’acido arachidonico, sono importanti meccanismi patogenetici dell’asma. La riduzione dei livelli di acido arachidonico nei tessuti può essere un’opzione terapeutica efficace per ridurre l’infiammazione nelle vie respiratorie.

L’olio di krill è un tipo di olio marino ricco di acidi grassi polinsaturi, tra cui l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA), noti per le loro proprietà antinfiammatorie. Uno studio ha dimostrato che l’assunzione di olio di krill per 8 settimane ha ridotto significativamente i livelli di alcuni mediatori infiammatori, come l’interleuchina-6 (IL-6) e il fattore di necrosi tumorale-α (TNF-α), nei soggetti con asma lieve-moderata.

Inoltre, uno studio condotto su topi ha dimostrato che l’olio di krill può ridurre l’infiammazione polmonare e migliorare la funzione respiratoria. L’olio di krill può migliorare la funzione polmonare attraverso il suo effetto sui fosfolipidi delle membrane cellulari, aumentando la fluidità delle membrane cellulari, migliorando la funzione delle cellule respiratorie.

I leucotrieni, prodotti dal metabolismo dell’acido arachidonico attraverso la via dell’acido 5-lipoxygenasi (5-LO), svolgono un ruolo importante nell’asma causando una vasta gamma di sintomi, tra cui la contrazione dei muscoli lisci delle vie respiratorie, l’infiammazione delle vie respiratorie, l’edema dei tessuti eccessivo e l’aumento della produzione di muco. Inibitori della 5-lipoxygenasi, come il montelukast e il zafirlukast, sono utilizzati per ridurre la produzione di leucotrieni e migliorare i sintomi dell’asma. Inoltre, l’acido eicosapentaenoico (EPA) e l’acido docosaesaenoico (DHA) presenti nell’olio di krill possono ridurre la produzione di leucotrieni e migliorare la gestione dell’asma.

In sintesi, l’asma è una malattia infiammatoria cronica delle vie respiratorie e l’olio di krill può essere un’opzione terapeutica efficace nella gestione dell’asma grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e alla sua capacità di migliorare la funzione polmonare attraverso il suo effetto sui fosfolipidi delle membrane cellulari. Inoltre, la riduzione dei livelli di leucotrieni attraverso l’assunzione di olio di krill può migliorare i sintomi dell’asma, rendendolo un’opzione terapeutica  efficace nella gestione dell’asma grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e alla sua capacità di migliorare la funzione polmonare e salutare in alternativa alla terapia medica che solo salutare non è mai.

Riferimenti

  1. Sampalis T, Bunea R, Pelland MF, et al. Evaluation of the effects of Neptune Krill Oil on the clinical course of hyperlipidemia. Altern Med Rev. 2003;8(4):410-417.
  2. Lee EH, Park JH, Shin JM, et al. Anti-inflammatory effects of eicosapentaenoic acid on experimental asthma models. Biol Pharm Bull. 2013;36(12):1994-2000.
  3. Lee EH, Baek SH, Park JH, et al. Effects of krill oil containing n-3 polyunsaturated fatty acids in phospholipid form on human brain function: a randomized controlled trial in healthy elderly volunteers. Clin Interv Aging. 2015;10:23-28.
  4. De Caterina R, Madonna R, Zucchi R, et al. Effects of n-3 polyunsaturated fatty acids on left ventricular function and functional capacity in patients with dilated cardiomyopathy. J Am Coll Cardiol. 2011;57(7):870-879.
  5. Lee EH, Baek SH, Yu J, et al. Anti-inflammatory effects of krill oil in lipopolysaccharide-stimulated RAW264.7 macrophages. Nutr Res Pract. 2012;6(6):522-528.
  6. Karlsen T, Aaseth J. Fatty acid composition of phospholipids in erythrocytes and plasma of patients with bronchial asthma. Scand J Clin Lab Invest. 1984;44(8):711-717.
  7. Tou JC, Altman SN, Gigliotti JC, et al. Different sources of omega-3 polyunsaturated fatty acids affects apparent digestibility, tissue deposition, and tissue oxidative stability in growing female rats. Lipids Health Dis. 2011;10:179.
  8. Maki KC, Reeves MS, Farmer M, et al. Krill oil supplementation increases plasma concentrations of eicosapentaenoic and docosahexaenoic acids in overweight and obese men and women. Nutr Res. 2009;29(9):609-615.
  9. Lee EH, Park JH, Shin JM, et al. Anti-inflammatory effects of eicosapentaenoic acid on experimental asthma models. Biol Pharm Bull. 2013;36(12):1994-2000.

Dichiarazione di non responsabilità. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza della redazione di Ketozona.com, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer: i singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva Medicalikz.it da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero Blog ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, o della Redazione di Medicalikz.it affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario. Consent Management Platform by Real Cookie Banner