Dopo due secoli di progressi e una maggiore comprensione medica, gli esseri umani vivono molto più a lungo. L’aspettativa di vita globale oggi è di circa 72 anni. Ma con una popolazione più anziana aumentano anche i rischi biologici a cui siamo esposti con l’età, portando a un aumento dei casi di malattie comuni legate allo stile di vita.

Questo ha posto l’attenzione sul tema dell’ “invecchiamento sano”. Adottando un approccio proattivo per trovare soluzioni a lungo termine per la salute e il benessere, l’invecchiamento sano si concentra soprattutto nel prevenire quelle malattie legate allo stile di vita che affliggono così tanti di noi. L’obiettivo è rimanere il più sani, attivi e privi di malattie possibile, il che richiede di mantenere le cellule del corpo nelle migliori condizioni possibili.

L’invecchiamento sano è legato alla salute delle nostre cellule. 

Lo stato di benessere generale del corpo dipende dalle sue cellule e dal loro funzionamento. Queste cellule richiedono abbastanza nutrienti per combattere contro gli stress interni ed esterni. Questi stress possono influire sulla salute delle cellule, causando compromissioni dei nostri tessuti e organi e spesso portando a malattie.

Concentrandoci sulla salute delle nostre cellule, ci concentriamo sulla nostra stessa longevità. E un modo per garantire il corretto funzionamento delle nostre cellule è assumere i giusti nutrienti per supportare la salute cellulare.

All’interno delle nostre cellule troviamo i fosfolipidi, una parte naturale e integrale delle cellule che aiuta a mantenere la forza, la flessibilità e l’integrità di queste cellule e delle loro membrane. I fosfolipidi si trovano anche nell’olio di krill, che può essere assunto come integratore per fornire benefici per la salute totale del corpo a livello cellulare.

L’olio di krill è ricco di omega-3 DHA ed EPA. Queste importanti fonti di nutrienti sono legate ai fosfolipidi naturalmente presenti nel krill e, quando assunti, il corpo umano li riconosce e assorbe questi acidi grassi in modo più efficace nelle membrane cellulari in tutti i tessuti del corpo.

Scienza emergente: i fosfolipidi dell’olio di krill rallentano l’invecchiamento e migliorano la qualità della vita

In uno studio recente pubblicato su Aging, i team di ricerca dell’Università di Oslo, dell’Ospedale Universitario di Oslo e dell’Ospedale Universitario di Akershus hanno utilizzato nematodi e cellule umane per investigare se l’olio di krill possa rallentare i processi di invecchiamento. Lo studio ha concluso che l’olio di krill promuove effettivamente l’invecchiamento sano contrastando molti processi che guidano l’invecchiamento, come:

  • sopprimendo l’accumulo di danni all’ADN ossidativo
  • contrastando la perdita del potenziale di membrana mitocondriale

Krill oil: un aiuto per mantenere la salute articolare e muscolare

Uno studio recente del 2022 condotto dai ricercatori dell’Università di Glasgow ha scoperto che soltanto quattro grammi di olio di krill al giorno possono giovare alla funzione muscolare scheletrica nelle persone anziane. La sperimentazione è stata condotta per sei mesi e gli scienziati hanno riportato miglioramenti “clinicamente e statisticamente significativi” nella massa muscolare, nella funzione muscolare e nella forza di presa dei partecipanti.

La riduzione della massa muscolare fa parte dell’invecchiamento. Dopo i 30 anni, viene persa dal 3% al 5% di massa muscolare ogni decennio, ma tra i 40 e gli 80 anni si stima che la diminuzione della massa muscolare vada dal 30% al 60%. Una riduzione della massa muscolare si traduce in una maggiore debolezza e meno mobilità, entrambi fattori che possono aumentare il rischio di cadute e fratture.

Trovate conclusioni simili in un altro studio condotto in Australia con pazienti affetti da osteoartrite. La sperimentazione, condotta nel 2022 in Australia dai ricercatori del CSIRO, ha portato i partecipanti che hanno assunto olio di krill a sperimentare un miglioramento del dolore al ginocchio, della rigidità e della funzione fisica.

Leggi di più sui fosfolipidi dell’olio di krill per la salute delle articolazioni

I benefici dell’olio di krill con il “vantaggio dei fosfolipidi”, che permette una migliore assorbimento degli omega-3

Mentre gli omega-3 sono da tempo noti come integratori alimentari salutari, meno noti sono i vantaggi della forma fosfolipidica. Non tutte le forme di omega-3 sono ugualmente efficaci; tutto dipende da quanto di quel composto viene effettivamente assorbito a livello cellulare. Poiché i fosfolipidi si trovano naturalmente nell’organismo umano, il nostro corpo li riconosce, il che significa che più omega-3 dell’olio di krill viene assorbito e può giovare alle nostre cellule e ai tessuti.

Un lungo, sano e felice futuro è l’obiettivo finale. E i progressi e gli sviluppi medici di cui godiamo oggi stanno rendendo questo obiettivo sempre più concreto ogni giorno. Gli integratori nutrizionali possono svolgere un ruolo importante nell’assicurare che le nostre vite più lunghe siano sane e attive.

Gli anni di ricerca scientifica sul krill hanno portato a una conclusione comune e chiara: l’olio di krill svolge un ruolo importante nell’aiutare l’organismo a ottenere ciò di cui ha bisogno a livello cellulare per rimanere attivo e lucido. E prendersi cura delle nostre cellule con un integratore di olio di krill al giorno potrebbe forse far allontanare il medico per un po’ più a lungo.

Riferimenti

  1. SenGupta T.; Lefol Y.; Lirussi L.; et al. Krill oil protects dopaminergic neurons from age-related degeneration through temporal transcriptome rewiring and suppression of several hallmarks of aging​. Aging (Albany NY). 2022 Nov 9;14(21):8661-8687. doi: 10.18632/aging.204375. Epub 2022 Nov 9. PMID: 36367773; PMCID: PMC9699765.
  2. The effect of krill oil supplementation on skeletal muscle function and size in older adults: A randomised controlled trial.​ Clinical Nutrition, Volume 41, Issue 6, 2022, Pages 1228-1235, ISSN 0261-5614,
  3. Stonehouse et al: Krill oil improved osteoarthritic knee pain in adults with mild to moderate knee osteoarthritis: a 6-month multicenter, randomized, double-blind, placebo-controlled trial ,The American Journal of Clinical Nutrition 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer: i singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva Medicalikz.it da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero Blog ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, o della Redazione di Medicalikz.it affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario. Consent Management Platform by Real Cookie Banner