L'importanza di integrare gli antiossidanti nella dieta per ridurre il rischio di patologie croniche e proteggere l'organismo durante l'attività fisica intensa

L’attività fisica regolare è fondamentale per la salute e il benessere dell’essere umano. Tuttavia, è importante praticarla in modo appropriato per evitare danni alla salute. In particolare, l’attività fisica intensa e prolungata può causare stress ossidativo, infiammazione e danni alle cellule, aumentando il rischio di malattie cardiovascolari, invecchiamento precoce, problemi metabolici e persino di cancro. Pertanto, è importante conoscere come proteggere il nostro corpo dallo stress ossidativo durante l’attività fisica.

Camminare è un’attività fisica a basso impatto che può essere praticata da tutti, a qualsiasi età e livello di fitness. Studi recenti hanno dimostrato che camminare regolarmente per almeno 30 minuti al giorno può ridurre il rischio di malattie cardiovascolari, diabete di tipo 2 e depressione, oltre a migliorare la salute mentale e il benessere generale. L‘attività fisica ad alta intensità e breve durata, come l’allenamento ad intervalli ad alta intensità (HIIT), può offrire numerosi benefici per la salute, come migliorare la funzione cardiovascolare, la sensibilità all’insulina, la composizione corporea e la salute mentale. Tuttavia, è importante praticare l’HIIT in modo appropriato e graduale, soprattutto per coloro che non sono abituati ad allenarsi ad alta intensità.

È importante sottolineare che l’attività fisica è fondamentale per la salute, ma è altrettanto importante garantire che l’attività fisica sia svolta in modo sicuro per evitare danni alla salute. Pertanto, è importante che gli atleti professionisti o dilettanti che praticano sport aerobico continuativo, come la corsa o il ciclismo, siano consapevoli dei rischi dell’attività fisica intensa e prolungata e prendano le precauzioni necessarie per proteggere la propria salute. Ci sono numerosi studi che dimostrano che gli atleti professionisti possono essere a rischio di infiammazione cronica, danni articolari e altre patologie.

Ad esempio, uno studio pubblicato sulla rivista Sports Medicine nel 2017 ha esaminato gli effetti dell’allenamento di forza sulle articolazioni e ha concluso che l’eccessivo stress delle articolazioni durante l’allenamento può portare a una maggiore degenerazione articolare e ad un aumento del rischio di artrosi.

Un altro studio pubblicato sulla rivista Journal of Athletic Training nel 2012 ha esaminato gli effetti dell’allenamento intenso sui marcatori dell’infiammazione e ha concluso che gli atleti professionisti possono essere a rischio di infiammazione cronica a causa dell’elevato volume di allenamento.

Inoltre, un articolo pubblicato sulla rivista Clinics in Sports Medicine nel 2019 ha esaminato gli effetti dell’attività fisica intensa sulla salute articolare e ha evidenziato che gli atleti professionisti possono essere a rischio di lesioni articolari e infiammazione cronica a causa dell’elevato volume di allenamento e della ripetitività del movimento.

In generale, gli atleti professionisti sono esposti a un alto livello di stress fisico e mentale, che può portare a un maggiore rischio di lesioni articolari, infiammazione cronica e altre patologie. Tuttavia, è importante notare che non tutti gli atleti professionisti sviluppano queste patologie e che molte di esse possono essere prevenute o gestite con una corretta alimentazione, riposo e programmazione dell’allenamento.

Inoltre, è importante notare che gli integratori alimentari antiossidanti vanno considerati come un supporto per proteggere il corpo dallo stress ossidativo causato dall’attività fisica intensa, oltre che per altre necessità.

In sintesi, l’attività fisica regolare e l’assunzione di antiossidanti possono offrire numerosi benefici per la salute, ma è importante praticarle in modo appropriato e graduale, tenendo conto delle proprie capacità e dei propri limiti, e consultare sempre un medico prima di iniziare qualsiasi tipo di attività fisica intensa o di prendere integratori alimentari antiossidanti. Proteggere il nostro corpo dallo stress ossidativo può aiutare a mantenere una buona salute generale e prevenire lo sviluppo di patologie croniche e malattie cardiovascolari.

Come più volte ribadito, l’esercizio fisico intenso può aumentare la produzione di radicali liberi, che a loro volta possono causare stress ossidativo e infiammazione. Per questo motivo, gli antiossidanti possono essere particolarmente utili per gli atleti professionisti o dilettanti che praticano sport aerobico continuativo. Qui di seguito, alcuni studi che approfondiscono questo tema e citano l’importanza degli antiossidanti nell’integrazione alimentare degli atleti:

  • Powers, S.K. & Jackson, M.J. (2008). Exercise-induced oxidative stress: cellular mechanisms and impact on muscle force production. Physiological Reviews, 88(4), 1243-1276.
  • Viña, J., Gomez-Cabrera, M.C., & Lloret, A. (2009). Free radicals in exhaustive physical exercise: mechanism of production, and protection by antioxidants. IUBMB Life, 61(1), 45-52.
  • Sen, C.K., & Packer, L. (2000). Thiol homeostasis and supplements in physical exercise. American Journal of Clinical Nutrition, 72(2 Suppl), 653S-669S.

In questi studi viene evidenziato come gli antiossidanti siano importanti per proteggere il corpo dagli effetti negativi dell’esercizio fisico intenso, come lo stress ossidativo e l’infiammazione. In particolare, si sottolinea l’importanza di una dieta ricca di antiossidanti e l’integrazione di specifici nutrienti come la vitamina C, la vitamina E, il coenzima Q10 e la glutammina. Inoltre, alcuni studi suggeriscono che l’integrazione di antiossidanti come l’astaxantina può migliorare la funzione mitocondriale. I mitocondri sono le centrali energetiche delle cellule, e la loro disfunzione è stata associata a una serie di patologie, tra cui malattie cardiovascolari e neurodegenerative. L’astaxantina è stata dimostrata in uno studio condotto su atleti a ridurre il danno muscolare e migliorare la capacità mitocondriale.

Il coenzima Q10 è un antiossidante che si trova naturalmente nelle cellule del nostro corpo, ma la sua produzione diminuisce con l’età. L’integrazione di coenzima Q10 può aiutare a ridurre lo stress ossidativo e proteggere dal danno muscolare. In uno studio del 2015 pubblicato su Nutrients, gli autori hanno concluso che la supplementazione di coenzima Q10 potrebbe migliorare la performance fisica negli atleti, ridurre il danno muscolare e promuovere il recupero post-allenamento.

Il resveratrolo è un polifenolo che si trova nella buccia dell’uva e in alcune altre piante, ed è stato associato a una riduzione del rischio di malattie cardiovascolari e a proprietà antiossidanti e anti-infiammatorie. In realtà, è impossibile godere degli effetti benefici di questa e di quasi tutte le altre sostanze antiossidanti affidandosi solamente ai cibi. Tutti gli studi, infatti, si rifanno a supplementazioni di estratti. In uno studio pubblicato su Journal of Physiology nel 2013, gli autori hanno scoperto che il resveratrolo potrebbe migliorare la capacità di esercizio fisico negli esseri umani e aumentare la funzione mitocondriale muscolare.

Lo studio condotto dal gruppo di ricerca dell’Università di Copenaghen ha coinvolto 27 uomini sedentari ma in buona salute, ai quali è stato somministrato del resveratrolo o un placebo per otto settimane. Alla fine dello studio, i partecipanti che avevano ricevuto il resveratrolo hanno mostrato un miglioramento del 21% della loro capacità aerobica, rispetto a una modesta diminuzione del 12% nei partecipanti del gruppo placebo.

Inoltre, gli autori hanno anche misurato la funzione mitocondriale muscolare dei partecipanti, ovvero la capacità delle cellule muscolari di produrre energia attraverso il processo di respirazione cellulare. Hanno scoperto che la supplementazione di resveratrolo ha aumentato la funzione mitocondriale muscolare del 45% rispetto al placebo.

Lo studio ha fornito prove interessanti sui potenziali benefici del resveratrolo per la funzione mitocondriale e l’esercizio fisico e quindi il resveratrolo potrebbe essere un integratore utile per gli atleti o le persone che cercano di migliorare le proprie prestazioni fisiche e la salute cardiovascolare.

Se pratichi attività sportiva aerobica intensa e di lunga durata, sia come atleta professionista che dilettante, potresti prendere in considerazione l’utilizzo di tre prodotti che possono fare la differenza nella prevenzione del rischio. Qui di seguito troverai l’elenco di questi prodotti.

Bibliografia:

  1. Blair, S. N., Kohl, H. W., Barlow, C. E., Paffenbarger Jr, R. S., Gibbons, L. W., & Macera, C. A. (1995). Changes in physical fitness and all-cause mortality: a prospective study of healthy and unhealthy men. Jama, 273(14), 1093-1098.
  2. Hawley, J. A., & Burke, L. M. (2018). Peak performance: why it’s not just about exercise. The Lancet, 392(10151), 816-824.
  3. Radak, Z., & Chung, H. Y. (2016). Gaining health benefits from exercise: the role of mitochondrial aging. Aging (Albany NY), 8(3), 603.
  4. Nieman, D. C. (2018). Exercise immunology: future directions for research related to athletes, nutrition, and the elderly. International journal of sport nutrition and exercise metabolism, 28(2), 148-158.
  5. Gomez-Cabrera, M. C., Domenech, E., & Viña, J. (2008). Moderate exercise is an antioxidant: upregulation of antioxidant genes by training. Free radical biology & medicine, 44(2), 126-131.
  6. Radak, Z., & Kaneko, T. (2008). Tahiti black pearl prevents oxidative damage induced by intense exercise. Oxidative medicine and cellular longevity, 1(2), 101-107.
  7. Shafiee, M., Arekhi, S., Omranzadeh, A., Sahebkar, A., & Emami, S. A. (2017). Astaxanthin: a mechanistic review on its biological activities and health benefits. Pharmacological Research, 128, 146-165.
  8. Baur, J. A., & Sinclair, D. A. (2006). Therapeutic potential of resveratrol: the in vivo evidence. Nature Reviews Drug Discovery, 5(6), 493-506.
  9. Littarru, G. P., & Tiano, L. (2010). Clinical aspects of coenzyme Q10: an update. Nutrition, 26(3), 250-254.
  10. Lee, I. M., Shiroma, E. J., Lobelo, F., Puska, P., Blair, S. N., & Katzmarzyk, P. T. (2012). Effect of physical inactivity on major non-communicable diseases worldwide: an analysis of burden of disease and life expectancy. The lancet, 380(9838), 219-229.
  11. Booth, F. W., Roberts, C. K., & Laye, M. J. (2012). Lack of exercise is a major cause of chronic diseases. Comprehensive Physiology, 2(2), 1143-1211.
  12. Pedersen, B. K., & Saltin, B. (2015). Exercise as medicine–evidence for prescribing exercise as therapy in 26 different chronic diseases. Scandinavian journal of medicine & science in sports, 25(S3), 1-72.
  13. Rao, A. V., & Agarwal, S. (2000). Role of antioxidant lycopene in cancer and heart disease. Journal of the American College of Nutrition, 19(5), 563-569.
  14. Bowtell, J. L., Sumners, D. P., Dyer, A., Fox, P., & Mileva, K. N. (2017). Montmorency cherry juice reduces muscle damage caused by intensive strength exercise. Medicine and Science in Sports and Exercise, 49(7), 1465-1473.
  15. Kidd, P. M. (2007). Omega-3 DHA and EPA for cognition, behavior, and mood: clinical findings and structural-functional synergies with cell membrane phospholipids. Alternative Medicine Review, 12(3), 207-227.
  16. McAlindon, T. E., Bannuru, R. R., Sullivan, M. C., Arden, N. K., Berenbaum, F., Bierma-Zeinstra, S. M., … & Henrotin, Y. (2014). OARSI guidelines for the non-surgical management of knee osteoarthritis. Osteoarthritis and Cartilage, 22(3), 363-388.
  17. Raucci, F. J., & Fodale, V. (2019). Inflammation and Musculoskeletal Tissue Damage: A Short Review on the Physiopathological Mechanisms. Journal of Biological Regulators and Homeostatic Agents, 33(4), 1241-1246.
  18. Gliemann L, Schmidt JF, Olesen J, et al. Resveratrol modulates the angiogenic response to exercise training in skeletal muscles of aged men. Am J Physiol Heart Circ Physiol. 2014;307(8):H1111-H1119. doi:10.1152/ajpheart.00206.2014
  19. Bloomer RJ, Goldfarb AH, McKenzie MJ. Oxidative stress response to aerobic exercise: comparison of antioxidant supplements. Med Sci Sports Exerc. 2006;38(6):1098-1105. doi:10.1249/01.mss.0000229456.71687.aa
  20. Gomez-Cabrera MC, Domenech E, Romagnoli M, et al. Oral administration of vitamin C decreases muscle mitochondrial biogenesis and hampers training-induced adaptations in endurance performance. Am J Clin Nutr. 2008;87(1):142-149. doi:10.1093/ajcn/87.1.142
  21. Ji LL. Antioxidant signaling in skeletal muscle: a brief review. Exp Gerontol. 2007;42(7):582-593. doi:10.1016/j.exger.2006.12.013
  22. Gliemann L, Schmidt JF, Olesen J, et al. Resveratrol modulates the angiogenic response to exercise training in skeletal muscles of aged men. Am J Physiol Heart Circ Physiol. 2014;307(8):H1111-H1119. doi:10.1152/ajpheart.00206.2014

Dichiarazione di non responsabilità. Le informazioni contenute in questo sito Web non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero sito ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza della redazione di Ketozona.com, affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario qualificato l’intervento terapeutico adatto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Disclaimer: i singoli articoli sono basati sulle opinioni dell’autore rispettivo, che conserva il copyright come contrassegnato e che manleva Medicalikz.it da qualsiasi responsabilità per la loro pubblicazione. Le informazioni contenute in questo Blog non intendono sostituire una relazione uno a uno con un operatore sanitario qualificato e non sono intese come consulenza medica. L’intero Blog ha come obiettivo la condivisione di conoscenze e informazioni provenienti dalla ricerca e dall’esperienza dei singoli Autori, o della Redazione di Medicalikz.it affinché i lettori abbiano una visione disincantata, scientifica, trasparente e ampia della materia e perché possano avere capacità critica ed autonomia decisionale sulla propria salute attraverso gli strumenti loro forniti, atti a concordare con un operatore sanitario. Consent Management Platform by Real Cookie Banner